cementificio Testi

La Regione Toscana intende scommettere su un nuovo utilizzo dello stabilimento di Testi, il cementificio che Buzzi Unicem ha annunciato di voler chiudere, assicurando una prospettiva ai 75 lavoratori che da mesi sono in presidio davanti alla fabbrica. Si è svolto il 5 febbraio il faccia a faccia tra il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e il management della multinazionale italiana che produce cemento. Con il presidente, Valerio Fabiani, consigliere delegato al lavoro e alle crisi aziendali; dall'altra parte, in videoconferenza, Antonio Buzzi, che per l'azienda si occupa del mercato italiano.

Nelle mani di Giani la lunga nota di denuncia dei sindacati, che il presidente ha incontrato di recente davanti a palazzo Strozzi Sacrati dopo l'annuncio della chiusura dello stabilimento. "Condivido le preoccupazioni espresse e sono amareggiato per questa scelta; si tratta di uno degli ultimi avamposti manifatturieri nel territorio del Chianti" ha affermato il presidente -: "La scelta di interrompere la produzione contrasta con la programmazione della Regione, che già adesso e anche nel futuro, grazie al recovery fund, prevede opere pubbliche, edilizia e infrastrutture con progetti in parte già cantierabili".

In primo piano i dati sul mercato e la produzione di cemento in Italia e in particolare in Toscana che l'azienda ha illustrato durante il colloquio.

"Per noi Testi era ed è un sito strategico e per questo abbiamo elencato proposte sulle quali siamo pronti a lavorare, anche mettendo in campo risorse e attivando tutti gli strumenti disponibili - ha dichiarato Fabiani -; se poi l'azienda non fosse interessata, fatto salvo il nostro impegno per trovare altri interlocutori, resta in ogni caso il fatto che la multinazionale non potrebbe sottrarsi alle responsabilità sociali e di bonifica ambientale". In particolare Fabiani ha chiesto "la più ampia copertura di ammortizzatori sociali, un incentivo alla ricollocazione e comunque, complessivamente, un ruolo dell'attuale proprietà nella transizione verso la reindustrializzazione del sito". (Fonte: Toscana Notizie - Regione Toscana)

Tra gli argomenti che la Regione ha indicato all'azienda anche l'individuazione di un advisor specializzato nel ricollocamento territoriale dei lavoratori e nel rilancio di Testi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.